by Marcello Cividini

Eravamo a Coolangatta, come dire che eravamo in un posto alla fine del mondo. Eravamo in Australia, a festeggiare il Natale con il sole della Gold Coast.

Siamo una coppia di buongustai e io sono anche un food hunter, un cacciatore di cibi. Non potevamo certo evitare un farmer's market della domenica.

Farmer's Market Coolangatta

Farmer's Market Coolangatta

E qui che, in mezzo alle salsicce di canguro, alle noci macadamian e alla marmellata di rosella, trovai anche questi... mmmm... sembravano cetrioli.

Costavano troppo per essere cetrioli

Costavano troppo per essere cetrioli

Che stupore la nostra prima volta dei Finger Lime. Queste palline di sapore concentrato che scaturivano dal frutto appena aperto e schioccavano in bocca!

Era Gennaio 2011. Li inseguimmo nei ristoranti dove li usavano, principalmente per le ostriche, quelle piccole di Sidney le più saporite. Poi cercammo gli chef che li usavano per fare i dolci e poi volammo a Byron bay a trovare la madre putativa di tutti i Finger Lime, Judy Viola.

Judy Viola nel suo vivaio

Judy Viola nel suo vivaio

Una coppia di Alstonville nel 1989 chiese a Viola come fare per riprodurre questa pianta lentissima che avevano in giardino. Il resto, cioè tutte le varietà con vari colori e sapori sono venuti di conseguenza.

Non vi voglio tediare, ma tornato in Italia me ne portai un bel Kg e lo feci assaggiare a tutti gli amici e a marzo scrissi pure un blog sull'argomento... passato inosservato.  Capita ;-)

Monique riesce a tenere in mano tre frutti maturi

Monique riesce a tenere in mano tre frutti maturi

Visitai a un paio di fiere gastronomiche e trovai che gli chef non li conoscevano. Un paio di vivaisti ne aveva nozioni sporadiche.

Insomma fino alla pubblicità delle patatine San Carlo dove Carlo Cracco era testimonial, nessuno se li era filati.

L’agenzia di pubblicità non usò il nome originale Finger Lime. Per facilitare la comprensione Finger Lime era stato rinominato “Caviale di Limone”.

Poi il boom, il mio vecchio blog ricevette cento contatti al giorni. Gente mi chiedeva dove trovare le piante, i semi, i frutti almeno uno!

Piante con frutti nel vivaio di Judy Viola

Piante con frutti nel vivaio di Judy Viola

Così mi sono svegliato anch’io e ho creato questo sito dedicato solo al FINGER LIME

Molti commercianti di frutta stanno iniziando a venderli, ma nessuno in Italia li conosce come li conosco io.

Molti vivaisti li propongono come fossero piante ornamentali o da frutto senza avere idee chiare su come si debbano coltivare.

Qui da me puoi trovare il meglio della produzione AL PREZZO PIU' ACCESSIBILE.

Soprattutto per la confezione da 1 Kg il formato per gli chef professionisti o per chi vuole allestire una festa per stupire amici e convitati.

Le confezioni più piccole sono meno convenienti, ma possono servire per assaggio o per occasioni famigliari.

Ti sembra caro? è lo stesso prezzo al pubblico che ha in Australia, nonostante un costoso viaggio e tutte le pratiche burocratiche e i certificati sanitari che il sistema Italia ha saputo escogitare per proteggere il consumatore. E poi ne basta poco per far esplodere il sapore nei vostri piatti.

Trovi qui le ricette che @civis pubblica su twitter e quelle degli chef nostri amici. Abbiamo in serbo molte sorprese per voi abbonatevi alla nostra newsletter.

Li coltivano anche in Francia da 25 anni, un solo vivaista che ne produce 8 o 9 quintali all’anno tutti prenotati.

C’è un coltivatore anche in California, ma i frutti sono piccoli come cetriolini e non costano meno.

In Italia chissà? ma ci vuole ancora parecchio. Per ora dovrete accontentarvi di quelli Australiani. Ottimi e di qualità garantita.

Comment